Il mio primo fotoquadro: la recensione.

"Il negativo è paragonabile alla partitura del compositore e la stampa alla sua esecuzione. Ogni esecuzione è diversa in modo sottile."
Ansel Adams


Dopo la prova prodotto di un fotolibro, di cui ero rimasta molto soddisfatta (qui il link), sono stata scelta dalla Saal Digital come tester anche di un fotoquadro in cambio di una recensione sincera.
Questa volta ho provato a stampare su grande formato una mia foto di architettura in bianco e nero della Nuvola di Fuksas. La scelta è varia: ci sono molti tipi di formati e diversi materiali, a seconda delle varie esigenze.
Ho stampato un 40x60 su Alluminio Dibond, un sandwich composto da due strati di copertura in alluminio e una parte interna in poliuretano espanso spesso 3 mm. La stampa diretta UV a 6 colori viene fatta direttamente sulla superficie metallica.


Il risultato è eccellente!
La Saal è stata molto veloce: il fotoquadro ordinato la mattina del 30 dicembre, è arrivato la mattina del 4 gennaio ( con tanto di Capodanno in mezzo).
Il pacco era imballato così bene che quasi non riuscivo ad aprirlo! Il quadro aderiva a un cartone spesso più di un cm e ben avvolto dalla plastica. Il tutto era inserito in una scatola di cartone rigido, arrivatami senza un graffio.

Il materiale scelto è leggero, ma robusto. Mi ha conquistata per la sua eleganza. Non ho stampato una foto a colori, quindi non posso esprimermi, ma sul bianco e nero l'effetto è decisamente accattivante. Neri profondi e in controluce esce fuori la matericità dell'alluminio, tutto molto bello.
La qualità della stampa è ottima.

Per il fissaggio ho scelto il profilo in alluminio e devo dire che dà un bell'effetto di profondità staccando il quadro dal muro di 1 cm (n.b. il profilo è posizionato al centro del quadro). Se il fotoquadro deve essere al centro di una stanza, consiglierei questo tipo di fissaggio. Ha il suo perchè.



Il software è veloce, leggero e pratico. Ne avevo già parlato approfonditamente nella recensione del fotolibro.
Insomma, sono molto soddisfatta del risultato.

Se dovete fare un regalo a qualcuno o volete avere davanti ai vostri occhi una vostra foto su una parete, bè consiglio di provare i fotoquadri, ne vale la pena.

Ringrazio ancora la Saal Digital per avermi scelta come loro tester.




Commenti

Post popolari in questo blog

Il cimitero marino/Le cimetière marin #5

Paolo Pellegrin. Un'antologia #6